IL MIGLIOR TONICO DELLA TRADIZIONE CINESE JI-TANG 鸡汤

da Dr. Fabio Lodo
Visite: 1784

 

L’era moderna e la moda dei super-food

Spesso i pazienti mi scrivono per chiedermi se le bacche di Gouji 枸杞 siano effettivamente miracolose come si dice, oppure quali siano le reali proprietà del fungo Ganoderma Lucidum, anche noto come Lingzhi 靈芝 in cinese o Reishi in Giapponese. Ogni epoca ha le sue manie. Quella moderna riguarda sicuramente i cosiddetti “super-food”: cibi in grado di potenziare il sistema immunitario, esercitare un effetto antiossidante e antitumorale, ridurre la stanchezza… in una parola dei “super –tonici”.

Noto oggi più che mai un crescente desiderio collettivo di migliorare la propria alimentazione cercando di trovare un super alimento che possa risolvere qualsiasi carenza e qualsiasi malattia, non senza un crescente entusiasmo da parte dell'industria farmaceutica, particolarmente ansiosa di mettere sul mercato sempre nuovi integratori a base di erbe cinesi.

Chiedo scusa a chi cerca un elisir di lunga vita. Secondo la tradizione cinese NON esistono sostanze miracolose. Esistono certamente cibi che sono da sempre considerati “di lunga vita”, ma che rappresentano una categoria di sostanze che, se assunte quotidianamente per molti anni, possono essere in grado di mantenerci giovani nel fisico e nella mente nonostante gli anni trascorsi. Insomma nessun miracolo ma il risultato di una dieta sana e varia.

 

Il miglior tonico secondo la tradizione cinese: Ji-Tang

Se fosse possibile chiedere ad un medico cinese di 2000 anni fa quale può essere il miglior tonico disponibile, sicuramente non avrebbe risposto “le bacche di Gouji” e sicuramente nemmeno “il Ganoderma Lucidum”. Credo invece che senza esitare avrebbe risposto in tono severo e conciso: “Ji Tang!

Ji Tang – la zuppa di pollo – è infatti un cibo medicato particolarmente adatto a rinforzare il Qi e nutrire il Sangue. Chiunque abbia vissuto in Cina o anche solo ci abbia abitato per poco tempo ne avrà sentito parlare. La sua importanza è profondamente intrecciata nella tradizione cinese. Un importante punto di agopuntura usato per tonificare l’organismo, Sanli 足三里, viene infatti scherzosamente chiamato Ji-Tang Xue 鸡汤穴 (Punto Brodo di Pollo).

Ji Tang viene consigliato in autunno e in inverno per prevenire l’influenza, ma viene anche suggerito ai convalescenti dopo una malattia, alle donne nel post-partum per colmare ciò che è stato perso, e più in generale a tutti quelli che abbiano bisogno di un “rinforzo”. La possibilità di aggiungere delle erbe medicinali, in piccola quantità, permette di rinforzare il potenziale terapeutico senza rovinare il gusto della zuppa stessa.

 

La vera ricetta, secondo la nonna di Jiang

Premesso questo, ho deciso di condividere con voi la ricetta originale di Ji-Tang, così come sono solito prepararla io, riportata fedelmente secondo quanto riferito dalla nonna di Jiang (un caro amico che usava vivere a Pechino, molto legato alla tradizione). Tutti gli ingredienti sono facilmente reperibili nei negozi alimentari cinesi, online, oppure nelle farmacie cinesi:

 

Ingredienti (per 4 persone affamate)

  • 1 pollo o gallina ruspante (meglio se del tipo Wu gu ji 乌骨鸡, polli dalle ossa nere)
  • 2 cucchiai da portata di Shan yao 山药 o patata cinese
  • 2 cucchiai da portata di Lian Zi 莲子, semi di loto
  • 1 radice di loto fatta a fette
  • 2 cucchiai da portata di bacche di Gouqi 枸杞子
  • 8 giuggiole rosse cinesi 红枣, intere
  • 1 patata dolce
  • 2 carote a fette (in Cina, chi le trova ancora, usa le carote rosse)
  • 1 rapa bianca, tagliata a fette
  • 2 cucchiai di sale grosso
  • Acqua q.b.

 

In caso di facilità ad ammalarsi, per rinforzare il sistema immunitario, aggiungere rimedi tonici del Qi:

  • + Huang Qi 黄芪 (Astragalus Radix): 4 fette
  • + Dang shen 党参 (Codonopsis Radix): 2 cucchiai

In caso di incarnato pallido e spento, post-partum, anemia o semplicemente se si desidera un sapore forte, aggiungere rimedi tonici del Sangue:

  • + Dang Gui 当归 (Angelica Sinensis Radix): 4 fette o mezza radice
  • + Bai Shao 白芍 (Paeonia Alba Radix): 4 fette, 6 cubetti o mezza radice
  • + Chuan Xiong 川芎 (Lygusticum Chuanxiong Radix): 6 fette.

 

Preparazione

  1. Ammorbidire le erbe lasciandole in ammollo in acqua per almeno 30 minuti.
  2. Far saltare il pollo con un filo d’olio in una pentola Wok – potete lasciarlo intero o tagliarlo in 4-5 pezzi – sino a quando non ottenete una doratura delle parti e il profumo del pollo invade la cucina.
  3. Mondare e tagliare a fette le carote e la rapa.
  4. Unire tutti i precedenti – pollo saltato, carote, rapa, erbe scolate – in una pentola sufficiente a contenere il pollo e riempite con acqua e sale quanto basta (la nonna di Jiang insiste che si usi una pentola di terra). L’acqua dovrà essere fredda e arrivare giusta a coprire il pollo. Preferisco non mettere mai troppa acqua in modo da rendere il brodo più deciso.
  5. Portare ad ebollizione con fuoco medio e successivamente lasciar sobbollire sopra il fuoco più piccolo che avete per un’ora abbondante.
  6. Durante la cottura, usando una schiumarola, ripulite la superficie del brodo dalle impurità che emergeranno. Ricordatevi di aggiungere un filo d’acqua calda per mantenere il pollo costantemente coperto.
  7. Quando il pollo è cotto, mettetelo su un tagliere e separate la carne dalle ossa. Tagliate la carne a pezzi e poi mettetela nuovamente nel brodo.
  8. Lasciare che le parti facciano nuovamente amicizia e servitelo molto caldo.

 

NB: assaggiate il brodo costantemente. Le erbe (soprattutto Dang Gui e Chuan Xiong) possono facilmente diventare troppo invadenti. Nel caso non temiate di rimuoverle dal brodo quando avranno aggiunto le loro proprietà ma prima che rovinino la zuppa che state preparando.

 

Buon appetito!